Home
 
PDF Stampa E-mail

NATALE 2015

 

Brevi considerazioni natalizie sui "laici a tutti i costi" e sulla democrazia

 

Ogni atto dell’essere umano dovrebbe essere meditato e ponderato, specie quando coinvolge la sfera sociale e pubblica.
Ogni essere sociale deve essere pronto e disposto a mediare tra le proprie esigenze e quelle dei più, come i più devono dare qualche ragionevole spazio a chi è minoritario, quindi per il buon andamento di una società civile servono aperture alla ragionevolezza e al rispetto.
Dopo questa breve e penso ragionevole premessa, voglio chiarire che pur essendo l’Italia uno stato laico per decisione dei padri fondatori della Repubblica (ma non so se le cose sarebbero andate così se nel 1948, alla conclusione dei lavori della Costituente, si fosse fatto un referendum sulla laicità dello stato...), ancora oggi circa il settanta percento (70%) degli Italiani sostiene di essere Cristiano Cattolico e battezza i suoi figli anche se non tutti sono praticanti; a questo numero vanno aggiunti i Cristiani Ortodossi e Protestanti.
Personalmente non critico la laicità dello stato, ma critico coloro che della laicità fanno un uso talebano, alla stessa stregua critico chi è fanatico religioso, di qualsiasi religione esso sia.

giustizia

Tutte le scelte estreme sono foriere di malumore e di guai, anche se talora sono sostenute da qualche  rappresentante di giustizia che dovrebbe ricordarsi, nella sua interpretazione della norma, della discrezionalità di cui può fare uso, e anche che in democrazia è saggio tener conto del sentire del popolo quando la sola legge si dimostra non perfettamente consona per regolare una situazione con giustizia. Certe decisioni, invece di sopire polemiche, spesso accendono gli animi.
Pur essendo il nostro uno stato laico, trovo civile, ragionevole e segno di grande rispetto il fatto che nelle mense delle scuole primarie, per esigenze culturali e religiose di alcune minoranze, si servano pasti differenziati, nonostante gravino su tutti noi le maggiori spese e le complicazioni che ciò comporta.

crocifisso

Invece trovo incivile e irrispettoso che da tempo si cerchi di mortificare una maggioranza di cittadini con la continua polemica sul Crocifisso nelle scuole e nei luoghi pubblici, specie dove è presente da sempre.
Allo stesso modo mi indigna la negazione del Natale riferito alla “Natività” e del Presepe, che sono nostre tradizioni secolari, mi indigna che chi dovrebbe dare istruzione e cultura ai nostri ragazzi si dimostri completamente ignorante di Cristianesimo ed Islam: per l’Islam Gesù è sicuramente nato da vergine, e Maria tale è considerata, senza discussioni. Gesù è considerato per certi versi il più grande degli inviati di Dio, secondo solo al Profeta Maometto in quanto rivelatore delle ultime volontà di Dio. Il Natale è festa nella maggioranza dei grandi paesi islamici, non motivo di scandalo, tanto meno deve esserlo da noi!
E’ innegabile che tutta la nostra cultura, l’arte, la conformazione stessa delle nostre città sia dovuta a secoli di cristianesimo, anche un laico non può negarlo. La fede invece è un fatto personale.
Anche chi si riempie sempre la bocca con la parola “La Legge” deve essere costretto ad ammettere che ciò che caratterizza i sistemi giuridici occidentali è la considerazione che l’espiazione della pena porta alla riabilitazione e al perdono, chiari concetti cristiani, non come per altre culture ove esiste solo una vendetta o un prezzo da pagare per ristabilire un equilibrio.
Libertà, fratellanza, eguaglianza erano parole già ampiamente invocate dal Cristianesimo, prima che gli illuministi si affacciassero alla storia.
E che dire della filosofia del socialismo e della sua esasperazione, il comunismo? Dottrine già vecchie nel XIX secolo, se qualcuno conosceva e conosce il Vangelo.
E per quanto riguarda la laicità dello stato? “Date a Cesare quel che è di Cesare, date a Dio ciò che è di Dio” ha detto Nostro Signore Gesù. Forse qualche laico a tutti i costi non l’aveva mai sentita questa frase?
Dunque, nel Cristianesimo è già contenuto a priori quel che noi oggi vorremmo vantarci di essere, e taluni “laici a tutti i costi”, che ambiscono a un primato morale e democratico, dovrebbero ricordare e riconoscere che non sono certamente arrivati primi nelle battaglie di civiltà, sempre che tutte le loro battaglie siano battaglie di civiltà… Nei numeri essi sono infatti in assoluta minoranza rispetto ai Cristiani dichiarati, e nei tempi.. lasciamo perdere, sono in ritardo di 2000 anni!
Il Cristianesimo è una dottrina di rispetto reciproco, noi Cristiani ogni giorno invochiamo il Signore Iddio di trattarci allo stesso modo in cui noi trattiamo gli altri: “Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori” recita la preghiera del Padre Nostro. Come può essere condannabile questo?
nativitàForse i laici a tutti i costi, criticando i simboli della fede cristiana, vogliono colpire quella che ritengono essere la struttura di potere del Vaticano? Forse sono solo motivi politici? Allora gettiamo anche il bambino con ciò che vogliamo pensare essere l’acqua sporca?
Gettiamo quella che è la nostra radice, anche laicamente parlando, accettiamo un appiattimento di tutte le culture piuttosto che l’arricchimento che può generarsi dalla coesistenza delle stesse?
Penso che qualche furbone, a dispetto della sua presunta laicità, consideri forse gli oltre 200.000 voti che potrebbero arrivare dai cittadini Islamici blandendoli bene, tanto lo zoccolo duro di certi elettorati, pur se ferito nel sentimento, non abbandona… ! In tempi recenti si sono vinte o perse elezioni politiche per una frazione di questi numeri!
Invito tutti i lettori a un’ulteriore e semplice considerazione: le democrazie occidentali, cui ci vantiamo tanto di appartenere, specie quella che conosco di più, cioè l’Italia, non sono democrazie totalmente compiute come ci piacerebbe credere, ma al massimo oligarchie.
Vi spiego perché: democrazia è una parola che proviene dal greco antico e significa governo del popolo, oligarchia è sempre una parola che viene dal greco antico e significa governo di pochi.
Bene, ora cercate di ricordare i tanti referendum popolari che davano al Governo e al Parlamento il polso della volontà del popolo riguardo a tante materie, e ricordate come Governo e Parlamento hanno  modificato a proprio piacimento la legge sottoposta a referendum quando i quesiti referendari erano già stati decisi, in modo che non vi si potessero più applicare i risultati referendari. Direi che il risultato di quasi tutti i referendum, vera e diretta espressione della volontà popolare, è stato neutralizzato e raggirato in questo modo.
Quindi dobbiamo concludere che volontà popolare e volontà del potere politico spesso divergono. Ora è molto di moda da parte di molti parlamentari tacciarne altri di “populismo”, facendone addirittura un offesa, specie quando questi argomentino su alcune questioni allo stesso modo del comune sentire popolare.. Ma “populismo” significa letteralmente <<atteggiamento o movimento politico, sociale o culturale che tende genericamente all’elevamento delle classi più povere, senza riferimento ad una specifica forma di socialismo e ad una precisa impostazione dottrinale>> e questo è stato il nome di un movimento storico russo anteriore al diffondersi del marxismo, che teorizzava il dovere degli intellettuali di mettersi al servizio del popolo.  E’ dunque evidente che chi usa questo termine come un’offesa verso l’antagonista politico, non si considera persona eletta dal popolo per servirlo, ma appartenente ad una casta a parte e non certo al servizio degli elettori!
Quando ero ragazzo avevo creduto alla favola del “popolo sovrano”…ora posso solo constatare lo scollamento che esiste tra il popolo e quello che chiede, da un lato, e le leggi e la loro applicazione dall’altro.
Le leggi per i giudici sono il vincolo a cui sono sottoposti e a cui sottopongono. Esecutivo e Parlamento propongono e votano leggi che spesso gratificano gruppi lobbistici più che il popolo, sebbene fondino campagne elettorali su proposte accattivanti per la maggioranza dell’elettorato, continuamente tradito. Per cui il giudice si deve attenere alla “legge” che non discende direttamente o per niente dalla volontà del “popolo sovrano”, essendo stato tradito il mandato elettorale. Peraltro attingendo alla discrezionalità che la legge attribuisce al giudice, spesso, come dicevo, nell’interpretazione della norma non perfettamente consona a regolare una situazione con giustizia, non tiene conto del sentire del popolo.

 

sacrario


Quindi il vero governo non è nelle mani del popolo, ma di quel ristretto numero di persone che sono nel Governo e nel Parlamento e, per quanto attiene l’applicazione della legge, negli organi di giustizia.
Adesso spiegatemi che differenza c’è con una dittatura, dove allo stesso modo un giudice si deve attenere alla legge e il popolo non è  veramente “popolo sovrano”. Magari un dittatore illuminato governa meglio di un parlamento becero, e ahimè, i nostri ultimi governi non mi sono parsi granché...
Dopo queste mie considerazioni invito tutti i lettori a vigilare, a cercare di porsi domande, a non accettare tutto per partito preso, comportandosi più come tifosi dei partiti politici che come elettori coscienziosi, perché solo cercando di essere consapevoli di ciò che ci circonda, possiamo tentare di agire responsabilmente, con vero equilibrio, ragionevolezza, senso sociale, nei confronti delle nostre famiglie e della società tutta.
Consapevolezza, rispetto ed equilibrio sono anticamera di una società giusta, che può essere permeata d’amore cristiano, valore imprescindibile per noi e che non può essere sottovalutato e snobbato da nessun laico, anche quando si dichiari ateo, specie se onesto intellettualmente e sano di mente.

Il Priore

 
PDF Stampa E-mail

Capitolo Internazionale O.M.C.T.H.

ROMA

20/22 Novembre  A.D. MMXV



GruppoRoma

 

Giovedì 19 - Il Priore è giunto a Roma in serata, accompagnato dal nostro Cerimoniere,  per un incontro di cortesia con la delegazione tedesca già presente dalla mattinata presso l’Hotel Domus Sessoriana, ex convento cistercense e fisicamente connesso con la Basilica di Santa Croce in Gerusalemme. La Domus Sessoriana è in questa occasione la sede dei nostri lavori capitolari che iniziano il giorno dopo.

ore 19,30 Cena con i tedeschi, nelle persone del Comandante Generale, di sua moglie e due novizi.

 


Venerdì 20 - Domus Sessoriana,

ore 9,30 inizio lavori.
Giunte le rappresentanze delle Commanderie italiane di Padova, Rimini, Settefrati e Fabro dopo i saluti di prammatica e una breve preghiera assieme al nostro Cappellano, il Priore ha illustrato un suo lavoro di estrema attualità, un relazione dal titolo  “Dai Wahhabbiti al Califfato”.
Successivamente, il  Gran Comandante Generale Werner Rind, ci ha aggiornato sulle sue ultime informazioni riguardanti la situazione siriana, che a noi sta molto a cuore, nonché sulle ultime attività e aiuti che la nostra federazione ha posto in essere per aiutare il Patriarcato Cristiano Cattolico Melchita e i profughi cristiani di Siria.

ore 12,30 - Pranzo

ore 15,30 - Breve visita turistica della Basilica Vaticana

ore 17,00 - Partecipazione alla Messa Solenne in lingua latina tenutasi nella Basilica di San Pietro in zona Cattedra, presieduta dall’ ex Arcivescovo Emerito di Friburgo, Mons. Robert Zollitsch: una graditissima sorpresa per i nostri ospiti tedeschi!

ore 19,30 - Cena

 



Sabato 21 Domus Sessoriana

ore 9,30 Breve riunione nella sala Capitolare per decidere le modalità delle investiture e del cerimoniale da seguire per le stesse.

ore 10,30 libertà sino alle ore 17,00 per i non addetti alla preparazione della cerimonia.

ore 13,30 Pranzo.

ore 18,00 Arrivo presso la Basilica di S. Maria in Cosmedin, sede Italiana del Patriarcato Cristiano Cattolico Melkita.

ore 18,30 Ormai defluiti i visitatori dalla basilica, a porte chiuse, S. Messa Cattolico Romana presieduta dal Cappellano Italiano della Federazione O.M.T.C.H. Don Domenico Cannizzaro.
Don Domenico ci ha regalato una splendida Omelia sulla funzione dei Cavalieri Religiosi all’interno della società attuale, mettendo al centro la figura di Cristo Re e parlando dello spirito di servizio che deve caratterizzare coloro, religiosi o laici, che hanno giurato di servirlo , nonchè dei rispettivi ruoli che questi sono tenuti ad assumere all’interno della comunità ecclesiale cristiana e della società civile.
Le parole dell’omelia, tradotte in diretta per i nostri ospiti, hanno visibilmente prodotto in loro approvazione, commozione e grande considerazione per la statura etica e spirituale del nostro Cappellano, perché è bello ,se pur lontani dalle proprie abituali dimore, sentirsi a casa nella cavalleria.


ore 19,15 A S. Messa conclusa, sono iniziate le cerimonie di investitura cavalleresca per la sorella Astrid e i frater Marco, Dario, Rui e Nicolaos, subito dopo l’accoglimento dei novizi Giorgina e Matthias.

dama

ore 20,10 Saluti e chiarimenti con Padre Mtanios Haddad, Archimandrita e Rettore della basilica.

ore 21 Cena di Galà,  al quarto piano della D. Sessoriana, per l’occasione a noi riservato e da dove si gode di una splendida vista della Roma notturna.
Dopo cena, qui si sono succedute le nomine: Il nostro Gran Comandante Generale ha nominato frater  Roberto P. e frater  Roberto M. Ufficiali Federali ed io Grand’Ufficiale.
Scambi di doni e discorsi hanno ricordato la soddisfazione reciproca e il senso di fratellanza e di stima che ci accomuna nella Federazione, dunque è stata una bellissima Agape Fraterna.

Domenica 22

ore 10,30 Santa Messa con rito Greco Cattolico in Santa Maria in Cosmedin.

ore 12,00 Incontro, presso la sala per ricevimenti annessa alla basilica, con la parlamentare del Governo Siriano, la Prof.ssa Maria Saadeh. La deputata, interpellata sullo stato della democrazia in Siria, alla faccia di quanto sostengono la quasi totalità dei media e tutti i governi occidentali, con molta semplicità ci ha ricordato di essere donna e di essere Cristiana e ci ha domandato in quale altro paese medio orientale è possibile per una donna ricoprire incarichi di governo.

Maria

Da altri presenti ci è stato ricordato che, sebbene la Siria era un paese certamente non paragonabile alle democrazie occidentali (nessuno stato medio orientale lo è, neppure l’Egitto e la Tunisia lo sono)e pur essendo uno stato laico, nessuna legge veniva promulgata senza prima aver sentito il parere dei rappresentanti delle religioni presenti nello stato.
Ci è stato ricordato pure che la Siria era uno stato dove il diritto allo studio era generalizzato e una notevole ricchezza pro capite anche. Ora invece, per dar voce a una piccola e fisiologica opposizione interna è per permettere il rientro di una esigua minoranza di fuoriusciti decenni addietro,  dopo la rivoluzione del 1958, che non hanno mai voluto riconoscere quello che ormai era uno stato di fatto ora ben accettato da milioni di persone, la Siria è ridotta a un cumulo di macerie per l’intervento di un gran  numero di mercenari non siriani, addestrati e sostenuti dai nostri democratici governi.
Molti dei presenti argomentavano poi che:- Un paese dove si lapidano le donne, si tagliano mani , si tagliano le teste degli oppositori, si possono uccidere i colpevoli di conversione ad altra religione, dove si frustano i giovani con idee progressiste, dove le donne non guidano, non..non..e chi più ne ha più ne metta, non è un offesa in essere alle nostre democrazie che fanno a spintoni pur di intrattenere rapporti d’affari con questo, cioè con la ricchissima Arabia Saudita!
“Pecunia non olet”(Il danaro non puzza) dicevano i Romani, ma certamente di molti capi di stato occidentali  o in predicato per l’ingresso in Europa non si può dire altrettanto (mia opinione strettamente personale che tuttavia costituisce per me un dovere di denuncia irrinunciabile per un cristiano).
Dopo le foto di rito ho potuto avere un breve ma costruttivo incontro con Padre Haddad e prima di lasciarci abbiamo tracciato le linee per una più intensa collaborazione.
Lasciato un contributo al Patriarcato, destinato al sostegno dei Cristiani del  martoriato popolo Siriano, ci siamo accomiatati dai presenti.

Ore 13,15 Pranzo presso la Domus Sessoriana poi, i saluti  dei rappresentanti di delle Commanderie Italiane al Gran Comandante Generale e alla delegazione tedesca.
Per l’ennesima volta abbiamo ripreso la strada di casa gioiosi di tornare alle nostre famiglie, ma con la tristezza di dover attendere tempi non brevi prima di poter riabbracciare tanti nostri frater.

Il Priore



 

 

 

motto

 

 
PDF Stampa E-mail

La promessa di Claudia e Clifton B.

24 Aprile A.D. MMXV



Sergenti_01

Nel giorno 24 Aprile A.D.2015 abbiamo avuto il piacere di accogliere la Promessa e la dichiarazione di intenti che segna l’inizio del percorso dei fratelli Claudia e Clifton in Cavalleria con noi nel Priorato di San Martino.
A causa delle circostanze che li vedevano solo di passaggio, prima del loro rientro negli U.S.A. ove risiedono, abbiamo optato per una breve cerimonia di ingresso che è stata anche il battesimo della nostra nuova sede, che, pur se già dignitosa, abbisogna ancora di qualche lavoro di rifinitura.

Sergenti_02

Naturalmente conoscevamo già bene Claudia che in passato si era prestata a fungere da traduttrice per l’O.M.C.T.H. durante il Capitolo internazionale tenuto a Roma nell’anno 2012.
Io personalmente conoscevo Clifton da 2 anni, da prima che  lo scorso anno convolasse a nozze con Claudia, e già allora si mostrava interessato alle attività dell’Ordine e all’etica cavalleresca.
La convinzione di dedicarsi al servizio cavalleresco da parte di Claudia e Clifton era stata lungamente meditata, ma i loro tempi di permanenza in Italia erano ormai ristretti.

Sergenti_03 Sergenti_04

Per questi motivi, dopo aver proposto il loro ingresso ai Cavalieri immediatamente raggiungibili e raccogliendo il loro assenso, ho organizzato immediatamente la cerimonia.
Con il Cav. Andrea P.(mio Vice) e Con il Cav. Roberto P., (Maresciallo per quella sera in funzione di Cerimoniere), procedevo a raccogliere la promessa di Claudia e Clifton.

Sergenti_05

Più tardi ci ha raggiunto per un gradito saluto il nostro Cerimoniere, il Cav. Roberto M.,  che in concomitanza al momento della Promessa era impegnato presso L’Istituto Religioso Diocesano e poteva raggiungerci solo a cerimonia finita.

Sergenti_06

Alla prima occasione possibile, la promessa dei nostri frater Claudia e Cliff sarà formalizzata anche in chiesa, ove il nostro Cappellano sarà ben felice di benedirli e molti altri nostri confratelli di abbracciarli.

Il Priore

 

motto

 

 
PDF Stampa E-mail

Battesimo di un Catecumeno

28 Febbraio A.D. MMXV



Sabato 28 febbraio,da poco passate le ore 18,00, nella Basilica di S.Maria in Cosmedin a Roma sono stati impartiti i Sacramenti ad un Catecumeno già nostro accolito.

Battesimo_01

Alla formazione religiosa di questo nostro accolito, R. T., hanno contribuito anche membri del nostro Priorato tra cui il bravo Marco S. e il nostro Cappellano Don Domenico C..
Sua Eccellenza l’Arcivescovo Mons. Maroun Elias Lahham ,Vescovo di Amman ha impartito i Sacramenti assistito dal nostro Cappellano, il Reverendo Don Domenico Cannizzaro Parroco di Fabro al nostro frater R.T. nel corso di una cerimonia semplice e toccante.


La breve Omelia pronunciata da Mons. Maroun Elias Lahham è stata basata sulla riflessione che le vie di Nostro Signore non sono le nostre vie perché, per noi, sono a volte vie inimmaginabili; Monsignore letteralmente ha detto: ”Le vie di Nostro Signore non sono le nostre vie, io  Arabo, Vescovo  Cattolico Latino, mai avrei potuto immaginare che dopo la conoscenza casuale fatta in aereo di un distinto ragazzo cinese, mi sarei trovato a battezzarlo dopo qualche tempo. Mai io Cristiano, Vescovo Latino di Amman avrei pensato di battezzarlo  con l’aiuto e l’ospitalità di un Archimandrita Cristiano Cattolico Melkita, a Roma, in una Basilica dove le funzioni vengono officiate con Rito Greco, assistito da un Parroco Cattolico Romano; Ma eccoci qua e tu caro R. sei stato per me un vero dono del Signore”.

Battesimo_02

Dopo aver ascoltato queste parole noi presenti eravamo tutti sorridenti, sia per la constatazione dell’insieme delle coincidenze e  del particolare cammino che il Signore aveva messo insieme per attuare la Sua volontà, sia per l’innegabile gioia dovuta alla circostanza che ci aveva amorevolmente riuniti.

Battesimo_03 Battesimo_04
Dopo aver ringraziato il Conservatore della Basilica Padre Haddad, per l’ospitalità concessaci e aver da Lui preso commiato,ci siamo avviati verso Trinità dei Monti, dove ospitati in un bel ristorante dal nostro bravo frater  R.T. abbiamo potuto approfondire la conoscenza degli altri convenuti al battesimo.


Sua Eccellenza Mons. Maroun nonostante il suo alto incarico si è dimostrato persona estremamente umile, profonda e cordiale ed è stato un vero piacere essere alla sua presenza. Con altri ospiti, uno scrittore e un gentleman vaticano di professione fotografo che anno collaborato  con Sua Eccellenza alla stesura di un libro sul percorso storico del cristianesimo in Giordania, abbiamo effettuato interessanti scambi di idee e ci siamo riproposti di incontrarci nuovamente in occasione di altre nostre attività nella capitale o in zone limitrofe.


Infine è stata piacevolissima la conoscenza del Dott. Francesco C. Medico Pediatra e Neonatale, padrino di Battesimo di R.T. che mi è parso oltre che persona di fede, dotato di grande sensibilità, perspicacia e amore verso il prossimo, dote rara di questi tempi.


Una bella giornata, piena di contenuti ed amore, tante conoscenze interessanti,.. amici, buon cibo, i panorami di Roma notturna che offre visioni mozzafiato..ci voleva!

Il Priore

 

motto

 

 
PDF Stampa E-mail

Capitolo Generale Nazionale

FABRO - FICULLE

06 /07 Dicembre  A.D. MMXIV


Nei giorni 6/7 Dicembre si è svolto il nostro Capitolo Generale Nazionale per l’anno 2014.

Sabato 6

Ore 09,00: arrivo a Fabro (TR) presso la Canonica della chiesa di San Martino e saluti a Don Domenico nostro Cappellano e ai primi convenuti.

Ore 10,00: Accoglienza dei convenuti presso l’Hotel Rilarosi della vicina Ficulle (TR).

Ore 10,30: Inizio lavori con una breve introduzione sui principi della Cavalleria Religiosa e Laica a beneficio sopra tutto degli ospiti e dei nuovi venuti.

riunione
riunione

Ore 11,30: Relazione sulle informazioni riguardanti la martoriata terra di Siria, ricevute durante il Capitolo Generale Dell’Ordine tenutosi a Wettin in Germania nello scorso mese di Ottobre. Durante la relazione sono state esposte anche notizie che di solito sono ignorate o passate in secondo ordine dai media; Inoltre, sono state esposte le indicazioni fornite dai nostri maggiorenti laici e religiosi, finalizzate a fornire aiuti più adeguati a quelle popolazioni tanto straziate dalla guerra e dal fanatismo religioso.
E’ avvilente pensare che tanta sofferenza è causata da giochi di potere e mire che sono per la maggior parte esterni ed estranei agli interessi di quelle popolazioni: Chi si pone e si proclama come loro paladino, in realtà, guarda con occhi abbastanza indifferenti lo stato di coloro che al mondo dice di voler tutelare.

Ore 13,00: Pasto in Hotel, a base della cucina tradizionale locale.

Ore 14,30: Capitolo Comandanti per decidere sulla risoluzione di problematiche interne organizzative e per dettare norme comportamentali specialmente riguardo il non facile rapporto con Facebook che se mal gestito, potrebbe falsamente dare una immagine non veritiera del Priorato nei confronti di terzi, per la difficoltà di separare ciò che potrebbe essere strettamente personale da ciò che è generale e ci caratterizza come gruppo.

Ore 15,30: Istruzione ai nuovi venuti con risposte a tutte le loro domande, impartita personalmente dal Priore in tre ore e mezzo di seduta fiume.

Ore 21,00: Cena in Hotel con la gradita presenza di Don Gianluca e Don Piero Parroco a Ficulle.

Ore 22,00: Preghiera.

Ore 22,30: Piccolo coordinamento per le attività del giorno dopo e commiato con chi pernottava in altro luogo.



Domenica 7

Ore 09,30:  Ficulle, ritrovo nella antica Chiesa di Santa Maria Vecchia , luogo di bellezza semplice e severa, al cui interno si percepisce chiaramente traccia della spiritualità lasciata da secoli di preghiera e devozione, luogo ideale per le promesse dei nostri Sergenti e per le Investiture Cavalleresche.
Dopo Le Investiture Cavalleresche dei nostri fr. Cosimo, Marco B.,Pier Francesco e Silvia e la accettazione delle promesse dei nuovi entrati,Cristian, Marco De V., Nikolaos, R…. e Dario, Il Nostro Cappellano ha proceduto con la Benedizione delle Intenzioni dei presenti.

riunione

L’imposizione della spada sul capo agli appartenenti alla Commanderia di Fabro è stata ripetuta anche dal Comandante in sede Fr. Cav. Silvio Topo dopo che essi l’avevano già avuta dal Priore; questo in segno di considerazione e rispetto da parte del nostro Priore e Vicecomandante Generale Federale nei confronti del Comandante Locale.
Alla fine delle Investiture e delle Promesse, i nostri Cav. Marco B. e la Dama Silvia hanno rinnovato le loro promesse matrimoniali nel decennale delle loro nozze.
Altra ricorrenza sottolineata  a sorpresa con un applauso sono stati i trent’anni dalla prima Messa celebrata dal nostro caro Don Domenico, il nostro amato Cappellano.
Sono seguite le Lodi recitate assieme Don Piero, Parroco di Ficulle.
Alla fine delle cerimonie e delle preghiere, Don Piero ci ha raccontato la storia e le vicende secolari di quel luogo di culto.

processione

Ore 11,30: Ficulle, breve accoglienza a Sua Eminenza Il Cardinale Salvatore De Giorgi nei pressi della Casa Comunale e a seguire breve presentazione della storia della”Casa della Divina Provvidenza” residenza per anziani sita in Ficulle, località Cappuccini, di cui ricorre il novantesimo anniversario della fondazione.
In occasione di questo importante anniversario, oltre a Sua Eminenza e al Cav. Silvio Topo presidente della  “ Casa della Divina Provvidenza”e nostro Comandante in Sede, si sono trovate qui riunite nella Casa Comunale Il Sindaco Gian Luigi Maravalle e anche le autorità civili della Regione e i rappresentanti delle forze dell’ordine oltre a noi PSM.
La Casa della Divina Provvidenza è attualmente un centro modello per la cura degli anziani anche affetti di gravi disabilità, attrezzato per lungo degenze e di di ogni confort,  il cui personale è dotato delle massime competenze in Materia.
Tale struttura è anche una delle più importanti attività economiche di quel circondario dando impiego stabile a circa settanta persone.

Ore 12,30: Santa Messa Solenne concelebrata da Sua Eminenza Il Cardinale De Giorgi assieme a Don Piero, Don Gianluca, e Don Domenico nostro Cappellano ed altri, nella centrale e bella Chiesa di Santa Maria Nuova, gremita di fedeli per l’occasione.
La Chiesa di Santa Maria Nuova è una bella chiesa in stile ottocentesco dotata di un notevole coro ligneo, dove abbiamo avuto il grande onore di essere posti durante la celebrazione della Messa Solenne.
A fine cerimonia dopo le immancabili foto di rito con Sua Eminenza, ci siamo recati tutti alla Casa della Divina Provvidenza.

riunione

Ore 14,00: Casa della Divina Provvidenza, sontuoso rinfresco e a seguire i ringraziamenti  del Presidente Silvio Topo al personale della struttura, a cui non ha lesinato gli elogi per l’amore e la professionalità con cui tutti gli addetti svolgono il loro lavoro, poi i ringraziamenti a vario titolo a tutti i convenuti.

Ore 16,30: Noi PSM, abbiamo preso commiato dai presenti e  da Sua Eminenza. Dopo averci salutati molto cordialmente, uno per uno, abbiamo avuto da Sua Eminenza la richiesta di portare i suoi saluti al Vescovo di  Rimini, Francesco Lambiasi, con cui in passato ha svolto del lavoro.
Dopo una breve sosta a Fabro, presso la Canonica per sbrigare alcune faccende amministrative, dopo aver salutato i nostri locali Frater e Don Domenico abbiamo intrapreso la strada di casa.
Questo Capitolo è stato fruttuoso per il lavoro svolto ai fini della istruzione e preparazione dei nostri membri, specialmente per gli ultimi arrivati e anche per quanto riguarda le relazioni esterne e la penetrazione del PSM in quelle contrade, ove pensiamo di aver posto buone basi in vista del lavoro futuro.
Un Particolare ringraziamento, senza dimenticare Don Domenico e tutti i membri della Commanderia di Fabro, lo dobbiamo al nostro Comandante in Sede fr. Cav. Silvio Topo, per la magnifica ospitalità che ci ha riservato e per aver fatto coincidere il nostro Capitolo Generale con un avvenimento che si può definire storico per la comunità di Ficulle.

 

motto

 

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 4 di 12
Copyright © 2020 O.M.C.T.H. Priorato di San Martino. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.